Notizie ed immagini dal mondo del ciclismo professionale

Addio a Ronconi, ‘vero’ vincitore del Tour ’47




Addio a Ronconi, ‘vero’ vincitore del Tour ’47

Jun 12, 2012

Aldo Ronconi è morto questa mattina alle 6.45 a Faenza. Era nato a Brisighella il 20 settembre 1918. Lascia un figlio e una figlia che hanno proseguito l’attività da lui avviata: un negozio di vendita di biciclette e accessori per il ciclismo nel centro storico di Faenza. Fu campione italiano nel 1946 e vinse una tappa al Giro d’Italia del ’46 e una al Tour de France del ’47. Era detto “il parroco” per via di un copricapo nero che era solito indossare in corsa e a causa del fratello prete. Lo chiamavano pure “l’uomo del caldo” perché quando gli altri si squagliavano sotto il sole e l’afa, lui volava.

I manuali di ciclismo ricordano che il più grande risultato di Ronconi fu un quarto posto al Tour de France del 1947. In realtà fu uno scippo dei francesi che, come ha più volte sottolineato Ronconi, “non potevano lasciare il Tour al ciclista che vinse nel 1939 il Giro dell’Asse, con Mussolini alla partenza e Hitler all’arrivo”. Nonostante il boicottaggio dei transalpini, fu lui il primo ciclista italiano a ridare dignità ad un Paese umiliato dagli eventi bellici. Primo azzurro a vincere una tappa del dopoguerra e primo a indossare la maglia gialla. Ancora prima di Coppi e di Bartali. Quando nella terza tappa, la Bruxelles-Lussemburgo, si presentò tutto solo sul traguardo, ai margini della strada le persone si stendevano letteralmente in terra, in lacrime: “Erano minatori, operai e altri emigranti – raccontava Ronconi -, da sempre derisi e a cui la mia vittoria restituì l’orgoglio dell’appartenenza all’Italia. In molti negli anni a seguire mi scrissero lettere toccanti per ringraziarmi di quella vittoria”.
Il grande corridore romagnolo conquistò la maglia gialla nella settima frazione, la Lione-Grenoble, tenendola anche il giorno successivo. Poi, a giochi ancora aperti, fu protagonista della 19esima tappa, la Vannes-Saint Brieuc di 139 chilometri, la più lunga crono della storia della Grande Boucle. Un record destinato a rimanere nei secoli, certe distanze oggi sono improponibili. Sul Mur de Bretagne Ronconi chiuse terzo a 6’32” dal belga Impanis e a un minuto e mezzo dal francese Robic. La maglia gialla finì all’altro italiano Pietro Brambilla – con il faentino a meno di un minuto – ma un’imboscata transalpina nell’ultima tappa, consegnò la corsa a Robic. Decisivi il cambio Simplex dei francesi, certe alleanze internazionali e, soprattutto, le scie delle moto. A 80 chilometri dal traguardo, sulla salita del Buon soccorso, il fattaccio: gli astuti transalpini davanti con l’aiutino e gli odiati italiens dietro a inseguire solo con le proprie forze. Solo nel ’92 ci fu la riabilitazione. “Ci invitarono alla partenza del Tour, mio padre era ospite d’onore – spiega il figlio Antonio -. Durante una cena giornalisti, ex ciclisti e organizzatori si alzarono tutti in piedi. Mi si avvicinò un ex comandante partigiano e mi rivelò: ‘Il vero vincitore del Tour del ’47 era Aldo Roncini, suo padre ma noi non potevamo permetterlo’. Fu la conferma di anni di sospetti”.
ECon